QuiCentro storico

La storia di Martina insegna a non disperare mai: la vostra bici rubata potrebbe essere dietro l'angolo

Era posteggiata in una frequentata via del centro storico con il lucchetto chiuso

La piccola e curiosa storia a lieto fine di Martina Bernasconi insegna che non bisogna mai disperare: prima o poi la bicicletta rubata potrebbe ricomparire da qualche parte. Questo è ancor più vero a Como dove pare che chi ruba una bicicletta non si faccia remore ad utilizzarla per la città o a venderla a chi, a sua volta, la può utilizzare per sposarsi a Como, magari nei pressi di dove è stata rubata. Insomma, ladri e ricettaro sembrano essere davvero senza vergogna e senza paura. E così a Martina è capitato di ritrovare la sua bici, quella che le era stata rubata ad agosto sotto il Broletto in piazza Duomo. "Stavo camminando con mia mamma in centro storico - ha raccontato felice Martina - quando ho notato una bicicletta tale e quale alla mia, alluchettata in via Rusconi. Mi sono avvicinata e quando ho appurato, grazie ad alcuni segni inconfondibili, che si trattava davvero della mia bici ho chiamato la polizia".
Gli agenti della squadra Volanti della Questura di Como sono intervenuti e dopo avere verificato che Martina era la legittima proprietaria, hanno rotto il lucchetto e riconsegnato la bici alla ragazza. Ora si cercherà di capire, magari anche grazie a qualche telecamera di sorveglianza, chi sia stata la persona che ha utilizzato l'ultima volta la bici e l'abbia parcheggiata con tanto di lucchetto in via Rusconi prima che Martina casualmente la trovasse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese, ecco le indicazioni del Ministero della Salute

  • Blitz nella notte a Camerlata, il simbolo della Pace al posto di quello della Lega Lombarda

  • Como, dramma in via Leoni: trovata una donna morta

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Como, i furbetti del sacco rosso

Torna su
QuiComo è in caricamento