QuiCentro storico

Como, nuove regole: tanti negozi con le porte aperte, ma sono (quasi) tutti a norma

Dal 4 novembre è in vigore il nuovo regolamento di polizia locale

Molti negozianti del centro storico di Como, soprattutto quelli che abitano fuori città, non sapevano che da oggi - 4 novembre 2019 - è in vigore il nuovo regolamento di polizia locale che prevede, tra le tante nuove regole, anche il divieto di tenere aperte le porte dei negozi in assenza di isolamento termico. In poche parole, se all'interno dell'esercizio è in funzione l'aria condizionata o il riscaldamento bisogna tenere la porta chiusa, a meno che non sia installato un particolare dispositivo che mantiene separata l'aria interna da quella esterna.
Questo dispositivo si trova in quasi tutti i negozi del centro, sopratutto all'interno dei punti vendita della grandi catene, come Tezenis o Intimissimi.

Passando in rassegna i negozi della città murata ci si accorge che quasi tutti i negozi nella giornata del 4 novembre avevano la porta aperta. La stragrande maggioranza può farlo perché sulla soglia di ingresso è installato il dispositivo che getta aria dall'alto al basso. E' proprio questo getto d'aria a fungere da barriera tra l'interno e l'esterno.
Non mancano però i negozi dove questo dispositivo non è installato e, ciò nonostante, le porte vengono tenute aperte. Si tratta per lo più di negozi a gestione privata, cioè che non fanno capo a una grande azienda. Per questi negozi nelle prossime settimane potrebbero scattare i primi richiami da parte della polizia locale e, forse, le prime sanzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz nella notte a Camerlata, il simbolo della Pace al posto di quello della Lega Lombarda

  • Como, dramma in via Leoni: trovata una donna morta

  • Monet, Cézanne, Renoir, Gauguin e Van Gogh: a Lugano arrivano i capolavori della collezione Emil Bührl

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Como, donna morta in auto sotto casa del compagno: forse l'abuso di alcol la causa

  • Provano a imitare il nostro lago: ecco la rivista americana che propone mete "che sembrano il Lario"

Torna su
QuiComo è in caricamento