QuiCentro storico

Como, negozio aperto il sabato sera: la sfida di Paolo e Christian per riportare il turismo in via Diaz

Coraggioso esperimento di Maison et Cadeaux: serrande alzate fino alle 22 al sabato fino a fine agosto

Da sinistra Cristian Ferrari, Anne Cahours e Paolo Semeraro

"Avere un negozio è un servizio pubblico": si riassume in questa frase la scelta di Paolo Semeraro, titolare del negozio Maison et cadeaux di via Diaz, in centro Como, di tenere aperto il suo negozio anche il sabato sera. 
Una mosca bianca nel panorama estivo (e non solo) comasco fatto di negozi che abbassano le serrande alle 19, anche a luglio e agosto, anche con la città piena di turisti.

Maison et cadeaux, che vende oggettistica per la casa e articoli regalo, tutti i sabati di luglio e agosto tiene aperto con orario continuato fino alle 22-22.30, a seconda di come va la serata, i due punti vendita di via Diaz, entrambi ad angolo con via Cinque Giornate.
Una scelta coraggiosa, iniziata in via sperimentale a fine giugno e che sta dando riscontri positivi anche in termini economici. 
"Como è turistica - afferma Semeraro - questo è stato un anno particolare perchè per quanto se ne dica la crisi non è finita. Noi invece di lamentarci abbiamo deciso di darci da fare: le aperture del sabato sera hanno dato un buon risultato, lo abbiamo fatto perchè c'è convenienza e perchè è un dovere verso il turismo aprire il sabato e la domenica".

"Siamo gli unici della via a tenere aperto - gli fa eco Christian Ferrari, che con Semeraro ha avuto l'idea delle aperture- la sera del sabato il turista finisce di mangiare e torna a riversarsi sulle vie di Como, trova i nostri due negozi aperti e sgrana gli occhi. Quindi passa parola. Il negozio è pieno fino a tardi, la gente, turisti ma anche comaschi, anche se non compra entra, si sente coccolata, e nella maggior parte dei casi esce con un sacchetto in mano".

Un'iniziativa che porta movimento in tutta via Diaz: "La gente - continua Ferrari- ci dice "grazie, perché siete gli unici a mettere un po’ di colore nella via", anche i bar della strada ci ringraziano". 
"Noi abbiamo proposto la cosa anche ad altri commercianti di via Diaz ma nessuno ha aderito - prosegue Semeraro", "Abbiamo saputo che è stata fatta qualche tempo fa una sorta di notte bianca, con alcuni negozi di via Cinque Giornata che si sono organizzati per tenere aperto alla sera, ma nessuno ci ha detto niente. Se ci si mettesse d'accordo noi aderiremmo", chiosa Ferrari.

In una città dove gli eventi di questa estate 2018 sono pochissimi Paolo e Christian, di Guanzate il primo e di Milano il secondo, si aspetterebbero qualcosa di più: "A Como si organizza poco - dice Ferrari- è una città bella, ma morta. Il Comune potrebbe fare qualcosina in più come eventi, ma se le iniziative di apertura serale non partono dalle associazioni dei commercianti non si farà mai nulla".  

"Como è bellissima e ha un'alta ricettività grazie anche a tutta la filosofia del lago di Como, da Clooney in avanti - conclude Semeraro - ma va sostenuta. Noi stiamo già pensando, almeno in estate, di provare a tenere aperto anche un'altra sera".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Alice e Alessandro, genitori preoccupati: lanciano la petizione contro il degrado dei parco giochi di Como

  • Viabilità

    La brillante idea: potature in via Bellinzona nel giorno di festa in Svizzera

  • Economia

    Ufficiale: Maurizio Bruschi nominato commissario straordinario del Casinò di Campione

  • Incidenti stradali

    Incidente in autostrada a Fino Mornasco: tir contro auto

I più letti della settimana

  • Gettano 400 fascine di legna nel lago di Como: "Così aiutiamo la riproduzione del pesce persico"

  • Ragazza down molestata sul bus: uomo di Alzate Brianza arrestato grazie ai passeggeri

  • Le 5 pasticcerie più buone di Como

  • Como, obbligava la figlia a dimagrire: "Fai schifo, sei grassa". Madre denunciata

  • Cucine da incubo a Cavallasca: Cannavacciuolo arriva a El Paso Ranch

  • Lago di Como, Villa del Balbianello: i primi turisti della stagione arrivano dal Brasile incantati da un film

Torna su
QuiComo è in caricamento